giovedì , 23 novembre 2017
Home » Tifoseria » Via le barriere in curva, i tifosi si riprendono lo stadio

Via le barriere in curva, i tifosi si riprendono lo stadio

I tifosi della Roma si riprendono l’Olimpico. Dal 1 aprile, giorno di Roma-Empoli, le barriere scompariranno dalle due curve e dovrebbero, quindi, rientrare allo stadio gli ultras impegnati a scioperare e disertare i settori. Manca solo una formalità ma l’accordo c’è.

Ieri un nuovo appuntamento tra James Pallotta, accompagno dai dirigenti Baldissoni e Gandini, e il ministro per lo sport, Luca Lotti.

Durante l’incontro sono stati toccati alcuni temi e soprattutto quello della rimozione totale delle barriere nelle curve dello stadio Olimpico. Lotti e Pallotta hanno auspicato che si giunga al più presto alla rimozione definitiva e bisognerà superare alcuni passaggi burocratici per ottenere l’autorizzazione della Commissione di vigilanza dei Pubblici Spettacoli e si cercherà, quindi di arrivare alla rimozione delle barriere per la ripresa del campionato, con Roma-Empoli in programma sabato 1 aprile.

Manca anche l’ok definitivo della Questura la barriere stanno per “crollare”. Conferme che arrivano anche a Mauro Baldissoni: “Abbiamo gestito un problema complicato nato da un’esigenza riscontrata dalle forze di sicurezza, che hanno ritenuto di dover introdurre di qualche accorgimento“, ha dichiarato il Direttore Generale giallorosso.

Dal primo giorno abbiamo ritenuto necessario superarlo, perché quando pensiamo allo stadio che vogliamo vivere e non a caso anche a quello che vogliamo costruire lo pensiamo alcuna barriera barriere. Abbiamo lavorato con le forze di polizia per superare quella che era nata come un’iniziativa di emergenza. Dai segnali che giungono dai ministri competenti, su iniziativa Ministro dello Sport Luca Lotti, sembra sia giunto il momento per fare un passo in avanti per la normalizzazione di una situazione che era diventata per noi anomala. La data, però, la sceglie l’autorità di pubblica sicurezza ma noi riteniamo che sia una questione di giorni” sottolinea Baldissoni.

Al termine dell’intervento di Baldissoni ha preso la parola Giovanni Malagò, presidente del CONI: “Decidono le autorità competenti, cioè Prefettura e Questura, però il CONI che è proprietario dello Stadio è stato preallertato per cominciare a predisporre le modalità per abbattere le barriere: siamo in attesa della disposizione“. L’ipotesi quindi di un derby di Coppa Italia con le due curve piene di tifosi, come ai vecchi tempi, è tutt’altro che remota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *